Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someoneShare on Facebook
Read on Mobile

Chi sono – Maria Laura Pignata

Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute.Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.Anche le cucine incredibilmente sporche mi piacciono da morire. Mi piacciono col pavimento disseminato di pezzettini di verdura, così sporche che la suola delle pantofole diventa subito nera, e grandi, di una grandezza esagerata. Con un frigo enorme pieno di provviste che basterebbero tranquillamente per un intero inverno, un frigo imponente, al cui grande sportello metallico potermi appoggiare. E se per caso alzo gli occhi dal fornello schizzato di grasso o dai coltelli un po’ arrugginiti, fuori le stelle che splendono tristi.

La prima volta che mi sono imbattuta in “Kitchen” di Banana Yoshimoto, ero adolescente, non avevo idea di cosa volesse dire cucinare e a malapena comprendevo i rapporti umani. Tuttavia, questo incipit è divenuto il mio piccolo universo, un po’ come se mi fossi guardata alla specchio. Mi chiamo Maria Laura, per il resto del mondo sono Lolly. Ho 32 anni, sono partenopea nel sangue, ampezzana nel cuore e parigina nella testa. Cancro ascendente cancro (ahia!), sposata da 9 anni con un meraviglioso uomo che, oltre a sopportarmi, mi ha resa madre di due bimbe splendide. Cucino da un decennio, mangio di gusto da un po’ di più, con annessi chili presi e persi. Ho frequentato una scuola di cucina che ha consacrato definitivamente il mio amore per i fornelli e mi ha responsabilizzata. Ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia che mi ha trasmesso curiosità e amore per il cibo e spero di perpetuare quest’usanza anche a casa mia. Il blog di Partenopeat nasce dalla voglia di condividere con tutti voi i mei momenti di gioia, e, i miei momenti di felicita hanno sempre un legame con l’universo del cibo. Partenopeat si chiama così perché vuole essere una fusione tra la cucina della mia infanzia, dei miei ricordi e quindi partenopea con l’amore per i piatti delle cucine del resto del mondo. Tendo ad essere lievemente prolissa e logorroica e questo potrebbe annoiarvi tantissimo! Quindi credo che il miglior modo di presentarmi e farmi conoscere sia attraverso le ricette e le foto che verranno… insieme stiamo per condividere momenti della mia vita e sono molto emozionata!! Iniziamo?

74