Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someoneShare on Facebook
Read on Mobile

Premio Malaparte nella splendida Capri

image00001 2

Anche quest’anno si è svolto il consueto appuntamento con il Premio Malaparte nella splendida Capri, isola che in questo periodo dell’anno si mostra al meglio, almeno ai miei occhi. L’isola si riposa dopo l’estate, è più splendente e vera, silenziosa e vissuta da un turismo di nicchia e da amanti veri dell’isola. Ospita inoltre il premiato, in questo caso la premiata Yasmina Reza, e tutti i seguaci del premio che hanno la possibilità di apprezzare non solo Capri, ma delle chicche organizzate per l’occasione.
Io mi reputo una privilegiata, perché ho la possibilità di guardare da vicino tutto quello che accade dietro le quinte (io lo faccio per due giorni ma l’organizzazione richiede assolutamente più tempo!) e mi piace vivere questa esperienza che comporta vari stati d’animo. Si passa dal definire il menu, al relax perché in fondo è tutto stabilito, all’ansia degli imprevisti dell’ultimo minuto (vedi fattore meteo determinante in questa circostanza!!) all’organizzazione della tavola, allo spostamento degli ospiti, insomma una macchina perfetta che alla fine ci fa sedere su comode poltrone e sorseggiare caffè al grido di “è andata benissimo anche quest’anno!!”
Inoltre avere la possibilità di cucinare non solo per il premiato, per la stampa ma per grandi amici che mi danno questa opportunità mi rende estremamente felice e grata.
Lo scorso anno lo sformato alla Nerano ha stupito tutti, conquistando la direttrice de La Cucina Italiana Maddalena Fossati Dondero, che ha realizzato un mio sogno sin da bambina e per questo motivo sarò sempre grata al Premio e a Michele che mi ha voluta nella sua splendida cucina!
Questa edizione mi ha vista concentrata in cucina preparando piatti della nostra terra, cercando di dare un piccolo contributo nella memoria gastronomica degli ospiti.
Di solito inizio a preparare le basi per i piatti il giorno precedente e ciò che rende tutto bello e gioioso è la felicità di essere accolta in casa da amici che mi coccolano e mi viziano per tutto il mio soggiorno. Non è solo cucinare per la stampa, è piuttosto il piccolo universo che si crea in quei giorni a rendere speciale questo evento per me, la ritualità di certo gesti, le chiacchiere fino a notte fonda con Michele e Carolina, l’ansia che sia tutto in ordine, che la frolla non si rompa e che lo zucchero a velo non manchi mai…
Insomma come al solito la tiro per le lunghe, ma per me non è solo fare un catering, è un’esperienza bellissima circondata da persone splendide, interessanti, da cultura e da un’isola
magica in grado di emanare energia e bellezza senza limiti.

image00032 2image00362 2image00363 2image00001 2
Il menu per questa edizione era così composto:

Antipasti:

  • Shortbread al parmigiano con peperoncino e rosmarino
  • Bignè con crema di caprino al limone
  • Tartellette con crema di melanzane al forno e pomodorini confit

Primi:

  •  Ravioli capresi fritti
  • Orecchiette con datterini al forno con mollica di pane alle erbe del giardino e limone candito

Secondo:

  • Polpette di melanzane

Contorni:

  •  Friarielli in padella
  • Pomodori all’insalata

Dolce:

  • Crostatine con crema al cioccolato Amedei e pere caramellate al Rum.

Ecco alcune delle ricette/preparazioni che sono sul mio blog

Shortbread al parmigiano con peperoncino e rosmarinoShortbread al parmigiano peperoncino e rosmarino

 

 

 

 

premio malaparte 2Orecchiette con datterini al forno con mollica di pane alle erbe del giardino e limone

pomodori confit Pomodorini Confit 

crostatineCome preparare le crostatine di pasta frolla 

 

0
Premio Malaparte nella splendida Capri ultima modidfica: 2021-10-13T17:18:26+00:00 da Maria Laura

Written by

Related Post

Partenopeat_-49-min
Insalata bella e buona
Ingredienti per preparare l’insalata: Una scatola liscia Un caco mela (possibile sostituirlo con pere) Melograno